Ringraziamento del Presidente

Solo pochi giorni sono passati da domenica, c’è stato giusto il tempo di ricaricare le energie, di analizzare in tutta serenità l’evento appena concluso.
Per mesi ci siamo domandati se davvero eravamo pronti, se davvero eravamo capaci di realizzare due eventi così simili in concomitanza, molte volte ho visto il mio gruppo affrontare la domenica di febbraio in scioltezza raccogliendo l’approvazione di tutto il movimento podistico, ma la volontà di andare oltre era tanta, l’idea di creare qualcosa di nuovo era buona ma soprattutto è stata accolta dai miei soci come una nuova sfida da vincere.
Con impegno e determinazione molti di noi si sono accollati l’onere di portare avanti questa idea, con la preoccupazione comune di non tralasciare però il classico appuntamento ludico-motorio che già ci impegna tantissimo.
Di errori di certo ne abbiamo fatti, ne siamo consapevoli, e siamo già pronti ad analizarli bene per non ripeterli, ma siamo anche coscienti comunque di aver organizzato una buona giornata di sport.
Le giornate che hanno preceduto la domenica sono state vissute tra il lavoro e il controllo continuo delle previsioni meteo, ad ogni bollettino le preoccupazioni erano maggiori, il sabato però il cielo sembra resistere e la sera nonostante i notiziari decidiamo di andare avanti.
Domenica 7 febbraio, la giornata inizia presto, alle 5 del mattino le prime sagome nel buio iniziano a gettare le basi per la giornata, si sentono i primi schizzi di pioggia, l’ansia cresce, ma soprattutto la preoccupazione di aver fatto la scelta giusta, cresce il seme del dubbio e la paura di non garantire la sicurezza ai partecipanti.
Cominciamo a prendere ognuno i nostri posti, parte il tam-tam telefonico, le conferme che ricevo dai miei compagni lungo il percorso mi convincono del tutto nella scelta di andare avanti come da programma.
Volano le ore, si parte, come sempre lo spettacolo di colori dei podisti invade Pappiana, quasi 1800 sono i partecipanti alla 38° Dal fiume Serchio ai monti Pisani, un dato atteso mentre è una piacevole sorpresa vedere arrivare così tanta gente intenzionata nonostante la stagione a prendere parte alla Edizione Zero del Trail del Monte Penna, con nostra meraviglia prendono il via quasi in 200 desiderosi di conoscere gli angoli del nostro territorio incuranti della pioggia e del fango che sicuramente li accompagnerà in questa avventura.
Passano le ore, pian piano tutti i partecipanti giungono all’arrivo, cadono le preoccupazioni le ansie, ci possiamo rilassare e godere di un successo, per noi lo è in pieno, siamo riusciti ad accogliere così tanta gente, suddivendoli in ben 6 percorsi diversi, ben gestiti e presidiati, ma soprattutto siamo riusciti a riportare negli appuntamenti degli amici podisti un evento domenicale senza classifiche che misuri più di 20 km forse nel modo giusto o forse no ma comunque lo abbiamo ottenuto.
Per un evento del genere sono molte le componenti indispensabili, nella speranza di non far un torto a nessuno spero di ringraziare tutti, a partire dall’amministrazione comunale e al Sindaco Di Maio, al Circolo 90 che ci ospita, agli sponsor che ci supportano, alla pazianza degli abitanti che sopportano una domenica mattina così particolare.
Ringrazio poi gli amici della sezione del CAI di Pisa per l’appoggio, gli instancabili ragazzi del Pisa Road Runner per la preziosa collaborazione ac…cordata, il Pappiana Calcio per la disponibilità e la parrocchia di Pappiana.
Ringrazio davvero di cuore tutti i soci che hanno cullato e cresciuto questa mia idea, tutto il consiglio direttivo, gli amici alle iscrizioni così precisi, quelli tecnologicamente preparati per le iscrizioni del Trail, i pazienti parcheggiatori, tutti i ristori da Colognole della banda Bozzi a quello super testato di Ciapino, al nuovissimo PDV alla Romagna come al fedelissimo di Villa di Corliano, senza dimenticare gli altissimi Quattro Venti e Monte Penna.
Ringrazio tutti gli instancabili operatori del ristoro finale, così ottimamente e lungamente gestito, ringrazio tutti quanti si sono sacrificati con la pettorina su un incrocio e tutti coloro che hanno lavorato nei giorni precedenti perchè la domenica non avrebbero potuto.
Ringrazio il trio di Sciagattati che ha preso la cittadinanza sul Monte Penna e incuranti delle intemperie hanno accolto tutti i partecipanti.

Passano solo pochi giorni e la nostra opera iniziata il 7 febbraio trova la sua degna fine con la prima prova del Criterium Podistico Toscano, sabato 13 per chiudere una settimana podistica a Pappiana il consueto appuntamento con la Rossini Corre edizione 2016.
Un nuovo diluvio ancora sul nostro lavoro, ma anche stavolta non riesce ad intaccare un risultato davvero eccezionale, ben 340 competitivi si danno battaglia sulle nostre strade seguiti da un nutrito gruppo di non competitivi.
Si spengono i riflettori, ci aspetta un periodo di giusto riposo organizzativo, in attesa della Baby Run che si svolgerà come sempre a maggio, un bel periodo di riflessione, per poter ripartire più carichi che mai, consapevoli dei propri errori ma anche delle proprie forze.
Il Gruppo Podistico Rossini ringrazia tutti e vi da appuntamento con nuove sfide al 2017.
Il presidente
Federico Mataresi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *