22 aprile 2018, Maratona di Londra, i risultati

Nel giorno più caldo della storia della Maratona di Londra Eliud Kipchoge ha vinto per la terza volta la corsa inglese, decretandolo come miglior maratoneta di tutti i tempi. Non dimentichiamo che Kipchoge, che ha vinto anche nel 2015 e nel 2016, nel 2017 ha corso a Monza la maratona in 2h00’25” nel tentativo organizzato dalla Nike. La vittoria è arrivata con un tempo eccezionale di 2h04’17”.
C’erano grandi aspettative anche per il britannico Mo Farah che è arrivato terzo stabilendo il tempo record britannico di 2 ore e 6 minuti e 21 secondi.
Tra le donne si correva per battere finalmente il record del mondo di Paula Radcliffe di 2 ore e 15 minuti e 25 secondi. Aveva iniziato molto bene la keniana Mary Keitani, ma la seconda parte della gara è stata per lei molto difficile ed è arrivata molto lentamente concludendo al quinto posto. Ha vinto invece Vivian Cheruiyot. Tutti sapevano che Cheruiyot è stata una brillante atleta in pista. È la terza donna più veloce sui 5.000 e 10.000 metri, e ha vinto quattro titoli mondiali e il titolo olimpico di 5.000 metri nel 2016. Ma pochi hanno parlato di lei come una possibile vincitrice della maratona di Londra. E c’erano delle ragioni. In due tentativi sulla distanza della maratona, il suo record personale era stato un modesto 2h 23min, e l’anno scorso si era ritirata il mese scorso alla mezza maratona di New York per problemi respiratori a causa del freddo. Ma Cheruiyot, il cui soprannome è Pocket Rocket, 1m e 50 per 40 kg, ha consegnato alla perfezione la strategia di gara ideata dal suo allenatore.

Tra i partecipanti non poteva mancare anche un rappresentante del G.P. Rossini. Ha preso infatti il via Michele Passarelli Lio. Il suo tempo conclusivo è stato di 4h51’58”.
Con questa gara Michele porta a termine la quinta maratona delle sei Major. Dopo New York, Berlino, Chicago, Tokio e questa Londra, adesso non rimane che affrontare Boston dove Michele è già iscritto all’edizione 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *