Rossini ovunque: 30/11-01/12

Rossini ovunque
Il week end ha visto i colori rossiniani mettere al bersaglio fatiche e conseguenti risultati strepitosi. Il fine settimana è iniziato con l’avventura dei nostri impareggiabili Roberto Ferrando, Isa Farci e Federico Mataresi , che si sono cimentati in un ulteriore prova di forza e spirito. Completando il cammino per Roma sulla Francigena di Andrea Devincenzi un atleta paralimpico che ha percorso i 1000 chilometri con il solo aiuto delle stampelle.
Il fine settimana non è stato particolarmente ricco di gare, e ci sentiamo di aggiungere, per fortuna. Spesso l’offerta troppo corposa disperde anche gli atleti e assottiglia il numero dei partecipanti, rendendo difficile il lavoro degli organizzatori, costretti a rapportarsi con numeri sempre sul limite.

La notizia più straordinaria in campo competitivo ci arriva dalla Spagna, la nostra ormai beniamina Veronica ha chiuso la Maratona di Valencia distruggendo il suo Pb, alla fine ha chiuso i suoi 42 chilometri in 3 ore e 50 migliorandosi di ben 17 minuti.
C’è da dire che domenica 1 dicembre ha visto svolgersi l’ultima gara del trofeo podistico livornese, Corri Salviano. Gara impegnativa per il diverso tipo di terreno che gli atleti si trovano ad affrontare e per l’alta qualità degli avversari.
Nonostante tutto i nostri atleti hanno portato in alto i colori Rossini. Sono stati infatti 39 minuti di gloria per una delle certezze granitiche del podismo competitivo di casa Rossini Sergio Matteucci.
C’è però da dire che al minuto seguente ha tagliato il traguardo una delle frecce Rossini. Paolo Gaddini uno dei simboli del podismo competitivo della nostra società. Paolo riesce infatti a tenere sempre alto il profilo competitivo e a portare a segno con ottimi risultati una gara dietro l’altra. A Salviano non poteva mancare ovviamente il figlio di Sergio, Mauro che ormai segue, senza acchiapparlo per ora, le orme del padre,forza Mauro!
Un altro atleta labronico di nascita ma rossiniano nel cuore Gianni Cipolli che chiude la gara in 45 minuti.
Sul fronte del non competitivo., invece la scelta era più ampia, mentre il trofeo tre province ha visto a Ponsacco 18 corridori. Nel frattempo a Pisa si ricordava il vigile del fuoco Saverio Masi con una corsa non competitiva anch’essa molto partecipata.

Si ringrazia Mario Pardella per le foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *