Eravamo 4 amici al bar ……una nuova avventura

Un idea messa in piedi parecchi mesi fa, in origine prevedeva l’appoggio è il coinvolgimento dei Comuni del nostro lungomonte Pisano, ma come ormai noto il Covid ha fermato tutto e con esso anche la storia ed i progetti del Vengo anch’io si tu si.

Ma è risaputo che siamo testardi decisi a raggiungere i nostri obiettivi, così coinvolgendo un bel gruppo di amici tra cui i Vagamonti di Calci,gli Amici della via Francigena di Pietrasanta e i fidati compagni del Gruppo sportivo dei Passi siamo riusciti a compiere ciò che volevamo nella caldissima ultima domenica di giugno.

Con l’uso della Joliette come ausilio siamo partiti dal centro di Calci, una bella e impegnativa salita ci ha condotto al Belvedere e a San Bernardo, un serpentone colorato al seguito di Francesco pronti a spianare ogni salita.

Un bel anello disegnato magistralmente da Rinaldo ci ha fatto apprezzare dall’alto tutta la bellezza della Valgraziosa fino alla foce di Calci.

I chilometri percorsi in perfetta armonia e allegria sembrano non pesare per niente sui nostri amici, passaggio da Passo Croce e poi giù in discesa fino a Santa Lucia che non smette mai di meravigliarci con le sue mulattiere ed i mulini, si prosegue passando da Castelmaggiore fino a tornare a Calci.

Un esperienza unica nel suo genere per noi, quasi un esperimento a testare la possibile accessibilità dei sentieri dei Monti Pisani, un nuovo punto di inizio che speriamo si trasformi in altre occasioni simili a totale dimostrazione anche di una possibilità di turismo accessibile anche dove sembrava improbabile.

Una domenica davvero magica che si è conclusa con un ottimo pranzo per l’allegra compagnia.

La nuova certezza del 2020 è questa, il Covid può averci tolto le gare e tutto il divertimento che ne veniva, ma noi siamo pronti a trovare nuove idee e nuovi obiettivi pur di continuare in questo progetto che ogni volta ci apre nuovi orizzonti sempre più emozionanti.

Alla prossima puntata 

E se volete farvi due risate, a voi il video di questa esperienza 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *